Humphrey Bogart, un bel tipo di leader!

Bogart è ancora oggi uno degli attori più amati della storia del cinema, anche da parte dei giovani. Per quelli della mia generazione resta un mito. E’ l’eroe disincantato, deluso e che maschera dietro un cinismo del tutto apparente, la grande malinconia che ha dentro.

BogartBogart aveva un caratteraccio, ma, anche nella vita privata, era una persona sincera che non esitava a dire quello che pensava, comprensivo con i più deboli ma tagliente e duro con i potenti e gli avversari. Idealista, non sbandierava i valori nei quali credeva ma li conservava ben saldi dentro di sé e si comportava coerentemente ad essi, dimostrandolo nei fatti e prendendosi le proprie responsabilità, quando necessario.

Uno dei film “cult” che rivedo periodicamente e che mi piace sempre è “Casablanca”. Qui, più che in altre pellicole, emerge la sua figura di leader naturale. E’ irritabile, prepotente anche, ma non cede davanti all’obiettivo che si è prefissato, ed è molto intransigente di fronte agli errori, prima di tutto ai suoi. Vuole attenzione e rispetto da chi gli è vicino, ma sa prendere le decisioni giuste, anche se si espone a qualche rischio ed è costretto compiere sacrifici personali dolorosi. Rievoco una delle scene più famose del film: “Un gruppo di soldati tedeschi che si trova nel locale di Rick (Bogart) comincia a cantare una canzone patriottica della loro terra. I francesi presenti li guardano sconfortati. Allora Victor, rappresentante della Resistenza, si avvicina a loro e li invita a cantare la “Marsigliese”. Il direttore dell’orchestrina si rivolge con uno sguardo a Rick per sapere se lo autorizza ad accompagnare l’esibizione dei francesi. Rick annuisce quasi impercettibilmente. Come leader indiscusso non gli occorre altro. In quel momento, lui si assume tutte le responsabilità di quel gesto: il night è suo e sa di rischiare qualche rappresaglia ma tocca a lui, in prima persona, esporsi. Insomma, basta un cenno d’intesa e l’orchestra suona l’inno francese e tutti i presenti si alzano in piedi e iniziano a cantare a voce sempre più alta per soffocare quella dei tedeschi che, alla fine, si arrendono…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...