L’organizzazione? “Snella” è meglio. Lean Organization e nuova leadership

CUOA
Villa Valmarana Morosini, sede della Fondazione CUOA

Abbiamo rivolto alcune domande al dottor Paolo Muttoni, Responsabile Operativo del Lean Center della Fondazione CUOA Business School, la scuola di management che ha la propria sede ad Altavilla Vicentina e opera da oltre 50 anni per la formazione di una nuova classe manageriale.

Quali sono i principi sui quali si basa il Lean Management?

Per capire come nasce il Lean è necessario fare un passo indietro nel tempo: siamo negli anni ’50, un’azienda Giapponese, la Toyota è in crisi e sta per fallire, quando un suo giovane ingegnere, Thaiichi Ono, consapevole che in Giappone non avrebbe potuto applicare metodi produttivi delle grandi case automobilistiche Americane (Ford in primis) cerca un modo per risollevare le sorti di Toyota e “inventa” il TPS (Toyota Production System).

Toyota non fallisce e diventa una delle case automobilistiche più forti al mondo tanto che, a metà degli anni ’80, viene studiata da James Womack che nel 1996 pubblica libro intitolato “Lean Thinking”. In questo libro  Womack “svela” al mondo il metodo Toyota (il TPS) e conia il termine di Lean Production.

Lean oggi viene quindi associato a diversi contesti sia produttivi che d’ufficio e, in generale, possiamo parlare di Lean Management quando un’organizzazione adotta i 5 principi descritti da Womack e inizia una lotta ai 7 sprechi che ne impediscono un percorsi di miglioramento continuo.

I 5 principi del Lean Management sono:

  1. definire il valore per il cliente; capire cosa il cliente è veramente disposto a “pagare” e quindi cercare di ridurre o eliminare gli sprechi (le cose che il cliente non ci pagherebbe);
  2. identificare il flusso di valore; identificare l’insieme di azioni che portano a realizzare il prodotto o il servizio ;
  3. far fluire tutte le attività; tutto deve realizzarsi per processi e non per funzioni, senza soste o interruzioni;
  4. impostare le attività secondo la logica “pull” e non “push”, ovvero realizzare un’attività solo quando il processo a valle lo richieda;
  5. perseguire la perfezione tramite continui miglioramenti (kaizen= KAI  ZEN, meglio miglioramento continuo).

La Lean Organization può migliorare le prestazioni e la produttività aziendale?

 Assolutamente sì. Studi in questo senso, hanno dimostrato che con l’applicazione di questi principi è possibile aumentare del 20/30% le performances aziendali, migliorando l’efficienza nelle varie fasi del processo produttivo. In passato l’applicazione di questi principi aveva riguardato solo la parte produttiva. Oggi, si è estesa anche all’aspetto commerciale e amministrativo, ottenendo anche in questi ambiti risultati molto soddisfacenti che si sono tradotti in miglioramenti di tipo economico-finanziario che, accanto a una maggiore dinamicità dei processi, ha portato a un significativo aumento del cash-flow.

La Lean Organization può tornare utile anche alle PMI?

Sicuramente. Bisogna dire che negli anni Novanta questo sistema ha riguardato soprattutto le grandi imprese del Nord Italia. Dal 2006, ancora prima della crisi, però ha coinvolto anche le PMI, soprattutto del Nord Est. La crisi di mercato del 2008 non ha trovato impreparate quelle aziende che avevano scelto questo approccio organizzativo, le quali hanno potuto affrontare le difficoltà del momento, adeguandovisi in modo più flessibile e dinamico. Oggi sono ancora le PMI le aziende che più di altre stanno applicando o iniziano ad applicare il Lean Management.

Esistono tecniche di Lean Education per le scuole?

Non vi sono precise tecniche di education da trasferire alle scuole. Certo esiste un repertorio di strumenti che possono essere utili alle scuole e che riguardano tecniche di mappatura dei processi, condivisione delle informazioni, l’ordine e la pulizia e una ricerca di efficienza continua riducendo gli sprechi . In un recente passato abbiamo dato avvio a un paio di progetti con delle scuole e i risultati sono stati interessanti. Auspichiamo che la lungimiranza dei Dirigenti Scolastici stimoli l’adozione della metodologia Lean non solo per ridurre le inefficienze, ma per creare una scuola che dia valore a chi la frequenta.

La Lean Organization produce un radicale cambiamento dei rapporti tra manager e capitale umano. Questo si riflette anche sul clima aziendale?

La Lean Organization favorisce un deciso cambiamento della leadership in azienda. Si attua un maggiore coinvolgimento tra imprenditore, manager e collaboratori di base. La leadership diventa proattiva e ha come obiettivo prioritario la crescita professionale (ma anche umana) delle persone, rappresentando un esempio da seguire. In altri termini, l’applicazione di questi principi fa in modo che i collaboratori di ogni livello diventino sempre più partecipi dell’attività svolta e possano esprimere il loro parere su procedure, meccanismi, strutture produttive che possono essere migliorate, rendendo meno faticoso e più efficace il loro lavoro.

Questi principi portano le organizzazioni a cambiare un po’ alla volta passando da strutture con gerarchie verticali (“controllo calato dall’alto”) ad strutture che privilegiano i flussi di valore (tipicamente più orizzontali) con una maggiore partecipazione attiva per ogni livello. In altri termini, considerando i collaboratori non macchine che eseguono un lavoro ma persone pensanti che possono contribuire a ottimizzare le loro prestazioni e, quindi, la qualità produttiva dell’intera azienda. Il che ad un deciso miglioramento del clima aziendale con diminuzione delle tensioni e maggiore collaboratività.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...