Leadership malata: gli psicopatici? Qualcuno guida anche grandi aziende

HannibalNon è mica facile riconoscere uno psicopatico. Non tutti fanno cose orribili come Hannibal Lecter. Molti siedono tranquilli sulla poltrona di qualche ufficio nei piani alti di grandi società. E nessuno se ne accorge. Anche se, alla fine, le conseguenze del loro operato emergono, creando problemi alle aziende e alle persone che guidano, nonché alle economie di Paesi interi.

C’è uno studioso americano, Kevin Dutton, ricercatore presso l’Università di Oxford, che non ha dubbi: “Gli psicopatici e i serial killer hanno molti tratti in comune: senso esagerato di autostima, capacità di persuasione, fascino superficiale, malvagità, mancanza di rimorso, e abilità nel manipolare gli altri, senza porsi problemi relativi alle conseguenze sociali, morali e giuridiche delle loro azioni”.

Secondo altri studiosi – Paul Babiak e Robert Hare – è molto difficile riconoscerli, visto che hanno una incredibile capacità di mimetizzazione. Altro dato preoccupante è che la percentuale di psicopatici che occupa posizioni di comando nelle aziende sarebbe decisamente superiore alla media (dal 3 al 25% contro l’1%).

Naturalmente questo tipo di psicopatici che occupa le poltrone più ambite non è un criminale vero e proprio, nel senso che non uccide né commette atti violenti né ricorre ad aggressioni fisiche. Viene definito, infatti, psicopatico gestionale, il che però non significa che non sia egualmente dannoso alla collettività perché la sua violenza è più subdola e si manifesta in modo diversi, con atteggiamenti di aggressività verbale, inganni, abusi emotivi, manovre subdole per rovinare le persone al solo fine di ottenere un proprio tornaconto, economico o di immagine.

Un altro studioso di questi aspetti devianti della psicologia “manageriale”, Key Sun, lo spiega meglio: “Gli psicopatici che occupano posizioni di leadership sono abili nell’evitare di pagare per le conseguenze del loro comportamento, sanno ingraziarsi le persone di status più elevato; continuano a sfruttare i loro colleghi per i propri fini, manipolandoli; si prendono il merito per il lavoro degli altri e usano con furbizia la paura e la simpatia per confondere gli altri”.

In un prossimo articolo parleremo delle caratteristiche degli psicopatici gestionali e di quello che è possibile fare per scoprirli ed evitarli.

Annunci

3 thoughts on “Leadership malata: gli psicopatici? Qualcuno guida anche grandi aziende

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...