Il leader può ingannare a fin di bene? 1. Effetto Pigmalione

Pigmalione
Il Pigmalione di Jean-Baptiste Regnault

Secondo il prof. Jeffrey Pfeffer – che lavora presso il Dipartimento Thomas D. Dee II di Comportamento Organizzativo alla Graduate School of Business, Università di Stanford – il leader non solo può ma, se il caso lo richiede, deve poter essere in grado di ingannare i propri collaboratori.

Detta così, l’affermazione potrebbe sembrare paradossale in un’epoca in cui si parla di trasparenza e si richiede che chi ha il potere abbia tra le sue più importanti skills quella di agire sempre in modo corretto, lineare e sincero. L’argomentazione dello studioso americano, però, è piuttosto articolata e vale la pena seguirla con attenzione prima di rubricare la sua affermazione come semplice provocazione.

Effetto Pigmalione

Pigmalione era uno scultore di Cipro che realizzò una statua così bella che se ne innamorò, chiedendo poi alla dea Afrodite di trasformarla in donna. Pigmalione è anche la nota opera teatrale di George Bernard Shaw del 1912 nella quale un ricco professore riesce a trasformare attraverso l’educazione una ragazza ignorante in una donna affascinante. Questo effetto, chiamato anche “profezia che si auto avvera” (effetto Rosenthal, dallo psicologo tedesco che studiò il fenomeno), è una forma di suggestione attraverso la quale le persone sono portate a  replicare l’immagine che altri hanno di loro.

Famoso è l’esperimento condotto da Rosenthal su alcuni bambini di una scuola elementare. Ad alcuni di loro, presi a caso, fu fatto credere che fossero dotati di un’intelligenza sopra la media e questi, influenzati positivamente da questa indicazione, migliorarono decisamente il loro rendimento scolastico.

Stesso effetto si produce in un’azienda quando il capo fa intendere ai propri collaboratori che hanno le capacità di fare di più e meglio. Anche se ciò, non è vero. D’altra parte, è anche abbastanza evidente la reazione delle persone: se a qualcuno dici che non è in grado di fare certe cose probabilmente non ci proverà nemmeno a migliorare. Perché sprecare energie a vuoto? Se invece gli dici che ha buone possibilità di farcela, investirà più energia e sforzi per riuscirvi.

La stessa cosa vale per il comportamento delle persone. Se qualcuno ci fa sapere che incontreremo individui positivi, ottimisti, disponibili, saremo a nostra volta portati ad avere un atteggiamento più socievole e amichevole nei loro confronti; certamente molto più aperto di quello che avremmo se qualcuno ci dicesse che le persone da incontrare sono arroganti o indisponenti.

Altra profezia che si “auto avvera” è l’effetto placebo. Ma di questo (con alcune considerazioni particolari) parleremo in un prossimo articolo.

Annunci

2 thoughts on “Il leader può ingannare a fin di bene? 1. Effetto Pigmalione

  1. niente giustifica la menzogna e chi mente perde la fiducia, che una volta persa, difficilmente si riconquista, ma quello di cui si parla nel post non è menzogna ma incoraggiamento e/o fede nelle illimitate possibilità dell’essere umano (secondo il buddhismo gli unici limiti che abbiamo li poniamo noi stessi e non solo secondo il buddhismo, ma questo è un lungo, lunghissimo discorso…).

    Mi piace

    1. Grazie per il suo intervento. E’ vero che una menzogna per aiutare a migliorare si può definire incoraggiamento ed è positiva. Qualche volta, però, capita anche l’inverso. Si giudicano le persone incapaci di riuscire in un compito anche se, in fondo, non abbiamo le prove che ciò sia vero. E questo è terribilmente negativo, in quanto può incrinare, talora definitivamente, la loro autostima. Ecco perché spesso il giudizio deve essere elargito con estrema attenzione e rispetto.
      E’ anche vero che i limiti che ci poniamo spesso li creiamo noi stessi. Ma se c’è qualcuno che “soffia sul fuoco…” l’effetto è decisamente deleterio. Le consiglio di seguire il secondo articolo sul tema che pubblicherò tra qualche giorno sull’effetto placebo. Mi farà piacere avere un suo parere.
      Ugo

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...