Contro la corruzione oggi c’è un Master a Roma (Tor Vergata). “Corruttopoly”, giocare ad essere onesti

corruttopolyPiù volte abbiamo parlato del problema della corruzione in Italia, segnalando purtroppo che il nostro Paese resta uno dei più corrotti e corruttibili in Europa, anche se vi sono segnali di una certa inversione di tendenza. Ce lo auguriamo. Nel frattempo segnaliamo con piacere che all’Università di Roma “Tor Vergata” è stato aperto un corso per formare professionisti in grado di aiutare imprese e amministrazioni pubbliche a contenere i fenomeni devianti, contribuendo a diffondere la cultura della trasparenza ed integrità.

Si chiama Master Anticorruzione (MAC) e si inserisce nel percorso più generale di lotta concreta al fenomeno della corruzione. Il format del master, della durata di un anno, prevede la partecipazione di docenti universitari ed esperti in materia di Anticorruzione dal punto di vista aziendale, etico, giuridico, economico, informatico, logistico, organizzativo, gestionale, tecnico-culturale e strategico.

Il programma comprende diverse aree formative che riguardano la Pubblica Amministrazione, le imprese private, il conflitto di interessi e il ruolo della società civile di fronte a questo fenomeno. Il master è rivolto a neolaureati, professionisti e dipendenti che desiderano entrare in possesso degli strumenti, non solo giuridici, ma anche organizzativi e gestionali, necessari ad affrontare e contrastare il fenomeno della corruzione.

Il gioco di “Corruttopoly”: vinci se nella società aumenta il livello di legalità

Ne approfittiamo per segnalare anche un’iniziativa di qualche tempo fa realizzata dal Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Bologna e destinata ad alcune classi di licei cittadini. Si tratta di un gioco chiamato “Corruttopoly. Alla ricerca della legalità perduta.” D’altra parte, come noto, la corruzione è il classico oggetto di studio della teoria dei giochi.

     carta_cittadino   carta_corruttore_02   carta_poliziotto

Ma vediamo da vicino il suo funzionamento. Corruttopoly è una città immaginaria investita dalla corruzione, nella quale si fronteggiano due opposte fazioni: i corrotti e gli onesti. Ai partecipanti sono stati assegnati ruoli (il corruttore, il magistrato, il giornalista, l’intermediario e il comune cittadino), strumenti (di tipo legislativo, economico, politico e sociale) e obiettivi che incidono sulle interazioni tra i giocatori. Lo scopo è far aumentare il livello di legalità di Corruttopoly, che si raggiunge solo se tutte le componenti in gioco vi contribuiscono in modo attivo e consapevole.

Gli abitanti di Corruttopoly si dividono in due fazioni, a cui sono assegnati segretamente, pescando una carta. Ci sono i corrotti, una minoranza di persone, ma informate perché si conoscono tra loro, e gli onesti, la maggioranza disinformata di Corruttopoly. Una situazione analoga alla realtà dei paesi più corrotti, dove i pochi mangiano sulle spalle dei tanti.

L’elemento centrale e innovativo del gioco è il “termometro della legalità”. E’ una scala nella quale è riportato il livello di legalità vigente in ogni momento del gioco nella città di Corruttopoly. Il valore diminuisce al ridursi della popolazione onesta, mentre aumenta quando va in carcere un membro della fazione dei corrotti.

Il principio di fondo è derivato dalla ricerca empirica che dimostra come nei paesi dove c’è maggiore corruzione si approvano leggi che favoriscono i corrotti, mentre nei paesi virtuosi si creano norme anti-corruzione più severe ed efficaci.

Insomma, un modo intelligente per far capire ai più giovani gli effetti devastanti della corruzione in tantissimi ambiti: dai servizi ai trasporti, dall’istruzione alla sanità; dalle attività economiche più complesse e avanzate fino ai diritti fondamentali di ogni cittadino, come la partecipazione alla vita pubblica della comunità che si abita.

Insomma, si può imparare ad essere onesti anche giocando…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...