Sei paranoico? Potresti essere un ottimo leader

paranoiaAbbiamo un’idea preconcetta sui leader. Credere che se sono tali debbano avere delle doti speciali. E, se tali doti mancano, debbano almeno avere delle patologie particolari che li differenziano dagli altri. Insomma, siamo sempre portati a pensare che chi ci comanda deve essere per forza diverso da noi, meglio o peggio non si sa. Ma, in ogni caso, dotato di qualche particolarità che lo distingue dalle persone normali. Perché? Questo è un mistero. O solo sudditanza psicologica?

Ma vediamo di chiarire la nostra affermazione. Un articolo apparso recentemente sul sito della BBC conferma la nostra ipotesi. Vi invitiamo a leggerlo. Si intitola: “Essere paranoico: potrebbe essere la chiave del vostro successo”. All’articolista, Eric Barton, resta qualche dubbio, visto il condizionale, ma sembra che in generale sia d’accordo con questa affermazione che nasce dalle sue interviste con Christine Ulrich, responsabile di una impresa (Shutterstock), che si occupa di archivi fotografici, e Bruce Aust, vice presidente del Nasdaq.

Entrambi i manager affermano che vivono costantemente in una situazione paranoica. In un settore dove la concorrenza è forte e si muove a grande velocità, chi gestisce l’impresa deve sempre guardarsi alle spalle, aspettarsi i colpi bassi, vivere in uno stato continuo di tensione per paura che altri possano trovare soluzioni migliori che creino problemi al tuo business. E’ una situazione stressante ma sembra che proprio non se ne possa fare a meno.

Naturalmente occorre verificare se questo atteggiamento sia davvero paranoico o no. La diffidenza e il sospetto sono problemi comuni a tutte le persone e ricorrenti a tutti i livelli di organizzazione sociale e riguardano rapporti interpersonali o collettivi. Non è facile capire qual è il limite patologico delle dinamiche che portano alla sfiducia e al sospetto patologico. Occorre anzitutto verificare quali sono le motivazioni psicologiche, comportamentali e sociali che sostengono questi atteggiamenti e se possono definirsi davvero border line.

Ci sono naturalmente alcune ricerche specifiche che riguardano la paranoia nell’ambito della leadership ma crediamo che in genere non si possa parlare di patologie. Più semplicemente riteniamo che i leader debbano possedere uno spiccato senso di controllo e autocontrollo che li porta a sviluppare una conoscenza approfondita del mercato in cui operano, oltre a una sensibilità che li spinge a non sottovalutare le mosse dei propri concorrenti, e a predisporre, quando è necessario, le giuste contromisure, nei tempi e nei modi più adeguati

Il comportamento paranoico, al contrario, scorge pericoli dove non esistono, reagisce in modo irrazionale alle sollecitazioni esterne di qualsiasi tipo siano, prende decisioni più mutuate da sensazioni superficiali che da verifiche reali. E in genere un atteggiamento siffatto conduce a grandi insuccessi o fallimenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...