Lavorare sui nostri punti di forza piuttosto che sui nostri punti di debolezza

Un ragazzo con una altezza normale è difficile che diventi un pivot. Che sia un asso nei canestri. Ma, se ha la passione del basket, e soprattutto è conscio dei propri limiti, può cercare di sfruttare i suoi punti di forza. Se uno di questi non è l’altezza, potrebbe avere un ottimo successo in un ruolo da difensore.

Questa idea contrasta con il principio per cui dovremmo individuare i nostri punti deboli, i nostri limiti per cercare di superarli. Non sempre questo è utile. E soprattutto non sempre è possibile. Anzi, tentare di farlo potrebbe diventare alla lunga frustrante.

Bisogna, invece, lavorare soprattutto sui nostri punti di forza e cercare di migliorarli il più possibile. In questo ambito, siamo già abili e lavorando sodo potremmo esserlo sempre di più, raggiungendo livelli di vera eccellenza, anziché intestardirci a superare i nostri punti deboli e magari ottenere risultati tutto sommato deludenti. Questo principio vale anche per le imprese, non bisogna dimenticarlo.

I punti deboli vanno analizzati e circoscritti solo nel caso possano in qualche modo ostacolare o ridimensionare o danneggiare i nostri punti di forza. Scoprirli e superarli rappresenta il vero successo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...