Lavoro e vita: esisterà ancora una vita “privata” o dobbiamo dimenticarcela?

Il problema su cui ci vogliamo soffermare è il rapporto lavoro/vita. Come abbiamo visto, la società digitale rende possibile il controllo capillare sui lavoratori anche da remoto. Il lavoro diventa in questo modo ubiquo senza tempo e senza luogo. Un lavoro alla fine astratto dalla realtà.

Viene meno, quindi, la nozione di orario di lavoro e con essa la segmentazione tra tempo di lavoro e tempo libero, tempo pubblico e tempo privato. Il rischio che paventiamo è che più che verso una jobless society si vada verso la total-job society, cioè una società organizzata attorno a un nuovo tipo di lavoro e di vita senza luogo e senza tempo.

Mauro Magatti, sociologo – autore del recente libro “Oltre l’infinito”. Storia della potenza dal sacro alla tecnica” 2018, Feltrinelli, euro 22,00 – sostiene che si vada verso un neotaylorismo societario, che attraverso la capillare penetrazione della rete e la digitalizzazione di ogni strumento e ambiente della nostra vita personale e collettiva l’intera vita sociale diventi come una grande fabbrica in cui ogni singolo atto (produzione, consumo, riproduzione) possa essere monitorato ed “efficientato”.

La logica tayloristica entrerà così nella nostra vita e in tutte le attività che svolgeremo compreso il tempo libero. Magatti parla di un nuovo panopticon di benthamiana memoria. La visione panottica è una visione differenziale, asimmetrica: c’è uno solo che vede tutto e tutti gli altri non vedono niente. Per questo si presta perfettamente ad esemplificare il controllo sociale.

Su questo tema suggeriamo anche la lettura di un bel saggio di Jonathan Crary24/7”, 2015, Einaudi – che descrive l’ideale perverso del capitalismo, cioè una vita senza pause, senza riposo, in cui lavoro, gioco, comunicazione sono centrati sul consumismo a oltranza, sull’idea di un mercato invasivo che impedisce qualsiasi libertà, distrugge ogni forma di comunità e qualsiasi espressione politica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...