Il manager egoista dice: Ce l’ho fatta!

John Mattone

Quando un manager raggiunge il successo e se ne esce con una affermazione del genere non è un leader. Questo, in sostanza, è quanto afferma John Mattone che ha scritto un libro sul “Leader intelligente”. Qual è l’errore?

Avrebbe dovuto dire: “Ce l’abbiamo fatta!” , usare cioè il “noi” e non l’“io”. Mattone è un executive coach e nel suo libro svela i sette segreti per diventare veri leader e soprattutto per favorire la crescita delle seconde linee.

Un manager di successo deve per prima cosa cercare di capire quali sono gli elementi che hanno contribuito a raggiungere quel traguardo e, soprattutto, riconoscere con onestà quali persone hanno contribuito ad ottenerlo. Anche perché in un’azienda, come nella vita in generale, il successo nasce spesso da una concomitanza di condizioni favorevoli esterne a noi e, sempre, grazie al contributo degli altri.

Prima del diritto, c’è il dovere

Il leader autentico riconosce il contributo di chi gli è stato vicino, abbandona atteggiamenti narcisistici e con essi l’idea che il successo sia un diritto, un privilegio che si è conquistato, di cui andare fiero, e che va difeso a tutti i costi. Al contrario, il successo, non appena lo si raggiunge, impone dei doveri, degli impegni maggiori, perché non è un punto di arrivo ma di partenza.

Anche perché contemporaneamente aumentano gli obblighi nei confronti delle persone che il leader deve guidare, aiutare a crescere, e, possibilmente, preparare, quando sarà il momento, a prendere il suo posto.

E’ tutto merito mio? Il leader deve porsi questa domanda in modo serio. Valutare, cioè, con imparzialità i suoi punti di forza e le sue debolezze, fare un esame di coscienza, per stabilire quanto la sua capacità, il suo impegno, la sua correttezza abbiano contribuito realmente al suo successo professionale.

Mattone sostiene che: “Dopo questo esame di coscienza a 360 gradi i manager cominciano a vedere se stessi con gli occhi degli altri, il che crea un atteggiamento di umiltà che inizia a ridimensionare l’idea del diritto, facendo crescere il senso del dovere”.

I manager capiscono che per essere leader autentici devono diventare un esempio che gli altri vogliono seguire, non un capo i cui ordini vanno rispettati per paura o obbligo; e perciò sentono sempre più forte la necessità di diventare migliori. Anche se si è stati bravi, esiste sempre la possibilità di migliorare, soprattutto quando si comprende che quello che si sta facendo non lo si fa solo per se stessi ma per tutti coloro che hanno fiducia in noi.

Interpretare in questo modo il concetto di leadership stimola un naturale senso del dovere, che però non deve risultare gravoso o pesante. Al contrario, non trattandosi di un impegno imposto dall’esterno o da altri ma di un impegno che nasce da una esigenza interiore ben ponderata, ha la forza di accrescere il senso di orgoglio del leader e di sviluppare le sue capacità, sempre più indirizzate verso un obiettivo comune e non verso un fine individuale.

Una risposta a "Il manager egoista dice: Ce l’ho fatta!"

  1. Hello I am so excited I found your blog, I really found you by mistake, while I was searching
    on Askjeeve for something else, Nonetheless I am here now and would just
    like to say many thanks for a fantastic post and a all round entertaining blog (I
    also love the theme/design), I don’t have time to read
    it all at the minute but I have bookmarked it and also added your RSS feeds, so when I
    have time I will be back to read much more, Please do keep up the awesome work. https://youlike222.com/%E0%B9%80%E0%B8%81%E0%B8%A1%E0%B8%A2%E0%B8%B4%E0%B8%87%E0%B8%9B%E0%B8%A5%E0%B8%B2%E0%B8%9F%E0%B8%A3%E0%B8%B5%E0%B9%80%E0%B8%84%E0%B8%A3%E0%B8%94%E0%B8%B4%E0%B8%95/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...