Coronavirus: è possibile un capitalismo diverso?

Mariana Mazzucato

Riportiamo, da un articolo apparso qualche giorno fa sul “Guardian” (18 marzo), alcuni spunti ripresi e sintetizzati da un’intervista con Mariana Mazzucato, professore di economia all’University College di Londra e autrice di “The Value of Everything”.

Abbiamo l’opportunità di usare questa crisi per capire come costruire un capitalismo diverso. Ciò richiede un ripensamento di ciò che i governi devono fare: piuttosto che limitarsi a correggere i fallimenti del mercato quando si presentano, dovrebbero spostarsi verso la formazione attiva e la creazione di mercati che promuovano una crescita sostenibile e inclusiva. Dovrebbero anche garantire che le partnership con le imprese che coinvolgono fondi governativi siano guidate dall’interesse pubblico, non dal profitto.

Prima di tutto, i governi devono investire e, in alcuni casi, creare istituzioni che aiutino a prevenire le crisi e ci rendano più capaci di gestirle quando si presentano.

In secondo luogo, i governi devono coordinare meglio le attività di ricerca e sviluppo, guidandole verso obiettivi di salute pubblica.

Ma i governi nazionali hanno anche un’enorme responsabilità nel plasmare i mercati guidando l’innovazione per risolvere gli obiettivi pubblici. Un’iniziativa simile nel settore sanitario garantirebbe che i finanziamenti pubblici siano orientati a risolvere i principali problemi di salute.

In terzo luogo, i governi devono strutturare partenariati pubblico-privato per garantire benefici sia ai cittadini che all’economia. L’ampio finanziamento pubblico destinato all’innovazione sanitaria significa che i governi dovrebbero governare il processo per garantire che i prezzi siano equi, che i brevetti non vengano usati in modo indebito, che l’offerta di medicinali sia salvaguardata e che i profitti vengano reinvestiti nuovamente nell’innovazione.

In quarto luogo, è tempo di imparare finalmente le dure lezioni della crisi finanziaria globale del 2008. Poiché le aziende vengono a chiedere salvataggi e altri tipi di assistenza, è importante evitare di limitarsi semplicemente alla distribuzione di denaro. I salvataggi devono essere strutturati in modo da trasformare i settori come parte di una nuova economia, assicurandosi che possano adattarsi alle nuove tecnologie. Deve essere fatto ora, mentre il governo ha il sopravvento.

Covid-19 è un evento importante che mette in luce la mancanza di preparazione e resilienza dell’economia sempre più globalizzata e interconnessa, e certamente non sarà l’ultimo. Ma possiamo usare questo momento per fare in modo che le parti interessate intervengano al cuore del capitalismo. Non lasciamo che questa crisi vada sprecata”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...