Disuguaglianza sociale: quanto male fa?

Ci fa piacere segnalare un bel libro che vi invitiamo a leggere in questi periodi di lockdown (seppure ridotto) e di preoccupazione per la crisi, sanitaria ed economica, che ha colpito il mondo. Riguarda il nostro rapporto con il fallimento. Si intitola “Alternative” di Sebastiano Zanolli. Con un sottotitolo molto esplicativo. “Aspira al meglio, preparati al peggio e tieni sempre pronto un piano B”, ROI Edizioni.

Qui, fra i tanti e interessanti temi affrontati dall’autore, ci piace soffermarci su quello che riguarda la disuguaglianza, di cui spesso ci siamo occupati anche nel nostro blog. Ecco alcuni stralci che possono far riflettere.

Louis D. Brandeis, giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti dal 1916 al 1939, disse:

“Possiamo avere una società democratica o possiamo avere una grande ricchezza concentrata nelle mani di pochi. Non possiamo avere entrambe.”

Il professor Enzo Spaltro spiegava con maggiore pragmatismo:

‘Se chi sta bene non fa stare meglio chi sta male, prima o poi chi sta male fa stare peggio chi sta bene.’

Una frase di acuta intelligenza e prezioso buon senso che permette di ana­lizzare, discutere e affrontare il problema senza fare affidamento a precetti religiosi e sentimenti caritatevoli”.

Sebastiano Zanolli

Ma più che le affermazioni e le prese di posizione, contano i dati e l’autore ne produce moltissimi. Eccone alcuni molto significativi.

Dove ci sono maggiori disuguaglianze sociali ci sono meno fiducia, più malattie, più violenza.

Nei Paesi con forti disparità sociali solo il 15% delle persone tende a concedere fiducia al prossimo, contro il 60% delle società con livelli bassi di disparità. Paesi con forti disparità sociali pre­sentano tassi di malattie mentali triplicati (si va dall’8%, nei Paesi con minori disparità, sino al 24%). Quanto alla violenza, sempre in base al livello di disparità interno, si va dai 15 omicidi per milione di abitanti sino ai 150”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...