Deep Work. Massima concentrazione: tanta gratificazione!

Andrew D. Huberman

Deep work: lavoro profondo, lavoro intenso. E’ il titolo del libro di Cal Newport, appena tradotto in Italia da Roi edizioni. Ma cosa significa lavoro profondo?

Per spiegarlo cominciamo soffermandoci su quello che dice Andrew D. Huberman che è un neurobiologo presso la Stanford Medical School. Il tema è la neuroplasticità, il processo mediante il quale il cervello umano cambia le sue connessioni neuronali. E questo capita anche da adulti, non solo da adolescenti.

Se vuoi imparare e cambiare il tuo cervello da adulto, ci deve essere un alto livello di concentrazione e coinvolgimento. Non puoi evitarlo. Devi impegnarti e concentrarti molto duramente“. Queste le parole dello scienziato.

Non basta. Huberman analizza anche la complessa neurochimica dietro l’apprendimento. Non entriamo nel merito, anche perché il tema è complesso, ma segnaliamo un punto particolarmente interessante.

Per ottenere un significativo ricablaggio cerebrale è necessario indurre un senso di “urgenza” che porta al rilascio di norepinefrina. Questo ormone, tuttavia, ti farà sentire “agitato”, come se avessi bisogno di alzarti e andare a fare qualcosa. È qui che devi applicare un’intensa concentrazione per combattere questo impulso, portando alla fine al rilascio di acetilcolina, il neurotrasmettitore che in combinazione con la norepinefrina può indurre la crescita del cervello.

Norepinefrina

Stiamo semplificando brutalmente questi dettagli biologici, lo ammettiamo, ma resta un punto fondamentale: la capacità di concentrarsi senza distrazioni su un compito cognitivamente impegnativo non è una cosa così ovvia come saremo portati a pensare, è al centro del modo in cui noi umani ci adattiamo e prosperiamo in un mondo complesso. E il mondo lo sappiamo bene sta diventando ogni giorno più complesso.

Acetilcolina

Cal Newport crede fermamente che il lavoro profondo sia come un superpotere nella nostra economia attuale perché consente di apprendere rapidamente (e deliberatamente) nuove abilità complicate e di produrre risultati di alto valore a un ritmo elevato.

Oltretutto, il lavoro profondo (deep work) è anche un’attività che genera un senso di significato e realizzazione nella tua vita professionale. Pochi tornano a casa pieni di energia dopo una giornata di frenetiche risposte via e-mail o di lunghe e noiose riunioni, ma lo stesso tempo passato ad affrontare un problema difficile in un luogo tranquillo, isolandosi con sé stessi, può essere immensamente soddisfacente.

Nel prossimo articolo approfondiremo i temi principali presenti nel libro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...