Daniela Bandera. Alle donne non manca l’autostima, manca il riconoscimento. (Seconda parte)

Nella seconda parte del suo intervento, Daniela Bandera – Sociologa delle organizzazioni e del lavoro, Amministratrice Delegata di Nomesis – Intelligence for solutions e Presidente Nazionale di EWMD Italia – European Women’s Management Development – si pone alcune domande sul ruolo delle donne nel loro percorso di emancipazione.

Daniela Bandera

“Le domande che mi pongo, dopo aver letto il libro e le recensioni che ne sono state fatte, sono di diversa natura: “Ma le donne sono in grado di emanciparsi come gruppo di genere?” “Hanno bisogno di coinvolgere il genere maschile, nel percorso di emancipazione che dovrebbe portare ad una società più equa? E come?”. “Come donne abbiamo la sufficiente autostima per ritenere che il nostro contributo è fondamentale per il successo delle organizzazioni in cui siano perché noi facciamo la differenza?

Il think tank di EWMD Italia European Women in Motion si interroga costantemente su questi quesiti, proprio perché stanno alla base della nostra azione e del modo con cui perseguiamo gli obiettivi della nostra associazione, quella di essere attori sociali del percorso di emancipazione femminile nelle nostre società. Nella nostra ricerca delle soluzioni abbiamo alcuni punti fermi che possono essere d’aiuto per integrare le prospettive proposte in “Good Guys”:

  1. Le donne sono in grado di emanciparci come “gruppo di genere”: abbiamo tutta la forza della visione femminista alle spalle e delle donne engaged oggi, che spesso non si dichiarano femministe ma che hanno dentro di sé il sedimentato del percorso emancipante sin qui fatto. Quindi sì, siamo in grado di emanciparci partendo da un nostro soggettivo percorso di crescita e di aggregazione tra donne.
  2. C’è bisogno di coinvolgere il genere maschile? Sì perché il cambiamento sociale, quando non è di natura autoritaria, deve coinvolgere tutti coloro che potrebbero avere delle resistenze al cambiamento ed è innegabile che l’emancipazione femminile soprattutto nei luoghi di lavoro produce delle resistenze anche molto evidenti nella popolazione organizzativa di genere maschile.
  3. Abbiamo la sufficiente autostima per ritenere che possiamo “fare la differenza”? Credo proprio di sì, non ci manca l’autostima, ci manca il riconoscimento. Tra le donne ci sono donne che possono fare le mentori alle donne (e anche agli uomini) in crescita, donne capaci, in grado di fare la differenza nelle organizzazioni, nei dibattiti, nella politica e nel sociale. Non è un caso che EWMD Italia abbia lanciato l’iniziativa di #equalpanel per dare voce alle donne nei panel di discussione che spesso sono composti da esperti esclusivamente di genere maschile.

Leader e manager sono oggi ad un bivio e si devono interrogare sulle modalità utili per evitare le dispersione del talento femminile che rappresenta un ingrediente fondamentale nella creazione di valore per le organizzazioni che essi gestiscono, quindi è bene che intraprendano azioni personali e organizzative che permettano una migliore e più armonica evoluzione delle relazioni nei luoghi di lavoro.

Tutto questo è lateralmente collegato all’emancipazione femminile che rappresenta un output del processo spesso implicito, ma è principalmente un percorso maschile di emancipazione dal modello dell’uomo cacciatore, che non sempre si basa sull’auto-consapevolezza del proprio ruolo come genere, nel cambiamento della società verso situazioni più eque e paritarie. Proprio in questo loro percorso gli uomini potrebbero trovare nelle donne le principali alleate.

E le donne, dopo aver corso con i tacchi a spillo e pensato che non è vero che le “brave ragazze vanno in paradiso e le cattive dappertutto” consapevoli che si può andare dappertutto essendo delle Good Girls, saranno in grado di allearsi in modo consapevole e su un piano di parità con i Good Guys”.

Di Daniela Bandera segnaliamo il libro dal titolo “L’impresa coevolutiva. Le quattro sfide del management”, Franco Angeli, Economia Management, 2019, euro 46,00.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...