Per innovare: mai dimenticare il cliente!

Diciamo spesso che “il cliente è al centro del business” ma non sempre questa affermazione di principio, oggi ormai generalmente condivisa, viene messa in pratica. Non solo nel rapporto quotidiano di vendita ma anche a monte, quando un’impresa pensa all’innovazione. E questo può provocare danni incredibili.

Sta uscendo un libro di Dan White, collaboratore di Ceoworld ed esperto di marketing, dal titolo “The Smart Marketing Book: The Definitive Guide to Effective Marketing Strategies” (LID Publishing, 2020), che sostiene come sia fondamentale per un’impresa l’apporto del marketing anche nella delicata fase di innovazione.

L’idea del libro è che le imprese abbiano sempre più bisogno di mezzi flessibili ed efficaci per gestire le loro relazioni con il pubblico e che debbano creare strategie innovative che perseguano obiettivi economici sostenibili e di successo orientandosi sempre sulle esigenze dei clienti.

Le aziende che fanno innovazione pensando al cliente, avvalendosi del marketing prima che dei tecnici della Ricerca & Sviluppo, diventano decisamente più competitive.

Se l’innovazione da sola non basta

E’ una affermazione piuttosto drastica. Ma che qualcosa di vero ci sia lo dimostrano anche recenti sondaggi Mc Kinsey che confermano come il 94% dei responsabili di impresa sia insoddisfatto delle prestazioni di innovazione della propria organizzazione.

Altro dato deludente riguarda il fatto, ad esempio, che nonostante i costi richiesti da qualsiasi tipo di innovazione, ben il 70% dei nuovi prodotti di consumo lanciati sul mercato sia destinato mediamente a fallire.

I suggerimenti di Dan White a questo proposito sono piuttosto chiari:

  1. Individuare l’approccio innovativo più adatto all’azienda
  2. Definire l’obiettivo dell’innovazione e condividerlo con Ricerca & Sviluppo
  3. Elaborare le idee di innovazione, interpretandole sulla base delle intuizioni dei consumatori
  4. Utilizzare i feed-back dei consumatori per trovare le migliori soluzioni per lo sviluppo del prodotto sul mercato.

E’ una presa di posizione di parte, visti gli interessi dell’autore, ma alla fine pensiamo che sia condivisibile, viste anche certe esperienze negative del passato che dovrebbero farci riflettere.

Continua a leggere l’articolo su Leadership & Management

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...