Affronta la crisi con il RAFT

Chi non vorrebbe lavorare in una situazione economica favorevole, navigare in acque tranquille, magari con il vento in poppa?

Purtroppo però, siamo finiti in mezzo a una delle tempeste più complicate e difficili da prevedere, come questa pandemia, che, tranne qualche eccezione, sembra non guardare in faccia nessuno, mettendo a dura prova anche le aziende più solide.

Ammettiamolo, la prima reazione, comprensibile e umana, sarebbe quella di deprimersi, o quanto meno di tenersi sulla difensiva, di salvare il salvabile.

Spencer Hays

Forse, però, in questi casi, non è male ricordare quello che diceva Spencer Hays, ricchissimo uomo d’affari americano: “Ci sono due tipi di persone a questo mondo: chi trova una scusa e chi trova una soluzione. Non ci vuole fegato, coraggio o determinazione per trovare una scusa, chiunque la può trovare. Invece, per trovare la soluzione più giusta per affrontare e superare gli ostacoli che abbiamo davanti, occorrono persone di qualità”.

Viene da dire, a questo punto, in un sussulto di orgoglio, che è il momento di tirare fuori gli “attributi” per poter affrontare una situazione tanto complessa. Trasformare un evento negativo in una opportunità di crescita. Ma come fare?

E’ evidente che non possiamo farlo di punto in bianco. Per ritrovare lo slancio giusto occorre prendere una adeguata rincorsa. Psicologica, naturalmente. E possiamo farlo in quattro fasi, come suggeriscono alcuni imprenditori americani – che, come sappiamo, sono ottimisti per natura – che hanno inventato l’acronimo RAFT. Vediamo in cosa consiste.

Si tratta di una serie di consigli per mantenere ben chiara la nostra visione aziendale e gli obiettivi prefissati anche di fronte alle avversità di ogni tipo che si devono affrontare.

R. Rendersi conto che ci si trova di fronte a un evento negativo. Sembra banale ma il primo passo è proprio questo: la consapevolezza. Mettere la testa sotto la sabbia, cioè ignorare quanto sta accadendo, è l’atteggiamento più sbagliato: significa lasciare spazio all’incoscienza, andare incontro alla catastrofe senza muovere un dito.

A. Accettare che l’evento si sta verificando e che non è possibile evitarlo. Essere consci che provocherà problemi, tensioni, crisi, sofferenze e disagi. Affrontarlo con questo spirito non significa mostrarsi passivi; al contrario, significa cercare e trovare in sé stessi la forza non tanto per opporvisi quanto per trovare la risposta più adeguata.

F. (Focus). Concentrarsi su ciò che possiamo controllare, cioè sul nostro atteggiamento, sul nostro programma e sulle nostre azioni. Ricordiamo una famosa preghiera: “Dio, dammi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare e la saggezza per riconoscere la differenza”. Se ci si assume la responsabilità delle cose che si possono controllare, evitando di trovare scuse o giustificazioni, possiamo cambiare le cose in meglio.

T. Trasformare l’evento negativo in una opportunità. Quante volte è capitato che qualcuno abbia messo in dubbio le nostre capacità? In quei casi, dentro di noi si è scatenata una reazione che ci ha motivato, e ci ha spinto orgogliosamente a dimostrare che si stava sbagliando. Un ostacolo, un imprevisto negativo in certi casi sono lo stimolo migliore per dimostrare quanto si vale. Pronti alla sfida?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...