La cultura aziendale che roba è?

Come si fa a distinguere una buona cultura aziendale da una cattiva, dal punto di vista dei dipendenti? Questa è una domanda più complicata di quanto possa sembrare. La maggior parte dei leader concorda in linea di principio che la cultura aziendale è importante, ma non sempre (quasi mai) concorda con quella dei propri collaboratori.

I leader pensano che i collaboratori abbiano una certa visione della cultura aziendale. Si aspettano, in genere, che diano importanza ad aspetti come “colleghi amichevoli, orari flessibili e carichi di lavoro gestibili” e invece questi aspetti non hanno troppo impatto sulla valutazione culturale di una azienda.

Quali sono gli elementi che contano di più per i dipendenti, secondo una ricerca del MIT Sloan Management review?

  • I dipendenti si sentono rispettati. I dipendenti sono trattati con considerazione, cortesia e dignità e le loro prospettive sono prese sul serio.
  • I leader svolgono azioni concrete di supporto. I leader aiutano i dipendenti a svolgere il proprio lavoro, rispondono alle richieste, soddisfano le esigenze individuali dei dipendenti, offrono incoraggiamento e li sostengono.
  • I leader rispettano i valori fondamentali dell’azienda. Le azioni dei leader sono coerenti con i valori dell’organizzazione.
  • I collaboratori condannano i leader “tossici”, cioè quei leader che creano un ambiente di lavoro velenoso e li descrivono in termini estremamente negativi.
  • Disapprovano i comportamenti non etici. Cioè quando dirigenti e dipendenti mancano di integrità e agiscono in modo non etico.
  • Apprezzano i benefici forniti. Valutazione positiva di tutti i benefici forniti dal datore di lavoro.
  • Apprezzano i servizi forniti. Valutazione positiva dei servizi e dei vantaggi sul posto di lavoro.
  • Sono interessati a ogni azione formativa, apprendimento e sviluppo. Valutazione positiva da parte dei dipendenti delle opportunità di apprendimento formale e informale.
  • Vogliono che sia garantita la sicurezza sul lavoro. Sicurezza del lavoro percepita, sotto tutti gli aspetti, inclusa la paura di licenziamenti, delocalizzazione e automazione.
  • Sono attenti a ogni forma di riorganizzazione. Attenzione particolare a tutte le riorganizzazioni e ristrutturazioni che non siano concordate, inclusa la loro frequenza e qualità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...