Il Grande Sogno: la felicità per tutti

Sir Anthony Seldon

Non ci convincono né ci hanno mai convinto quelli che parlano di felicità e sono sicuri di avere la chiave per ottenerla. Disposti anche generosamente a concedercela (magari dietro congruo pagamento). Un po’ diverso anche se va affrontato con lo stesso cauto scetticismo è Sir Anthony Seldon, autore di biografie di grandi personaggi politici, tra i quali Theresa May e Tony Blair, oltre ad altri saggi di varia umanità, il quale ha scritto un libro sulla felicità dal titolo “Beyond Happiness”.

Anche lui, comunque, sulla ricerca della felicità non si è limitato a realizzare un saggio diventato presto bestseller, ma ha dato anche lezioni di felicità e benessere ai suoi allievi presso il Wellington College in Inghilterra, e nel 2011 ha co-fondato Action for Happiness, una struttura che ha lo scopo di aumentare la consapevolezza nella ricerca della felicità e nel contempo aspira a ridurre gli effetti negativi della depressione. Questa associazione è presente anche nel nostro Paese.

Si può insegnare la felicità? E’ una domanda, come sappiamo, piuttosto complessa alla quale rispondere. Secondo Seldon, la ricerca della felicità in sé può rivelarsi una trappola. Soprattutto se ci concentriamo solamente sulla nostra personale felicità, in un atteggiamento puramente egocentrico.

L’autore, infatti, è molto critico verso la cosiddetta “psicologia positiva” e altre scuole di pensiero similari. Chi vi aderisce, secondo lui, sale su un tapis roulant della felicità, crede di impegnarsi a raggiungerla ma non va da nessuna parte e resta fermo sul posto.

Il segreto nella ricerca della felicità (che è poi quello di Pulcinella) è pensare più agli altri che a se stessi perché la depressione nasce proprio dall’eccessiva attenzione che ogni persona riserva a se stessa. Nel contempo, occorre superare la paura di provare esperienze nuove e più appaganti, imparando a superare i momenti più difficili per potersi godere meglio quelli più positivi.

I 10 consigli di Sir Seldon sono racchiusi in un acronimo che è davvero un “grande sogno”. Eccoli qui di seguito, con le rispettive traduzioni.

Giving: donare agli altri (anche in termini di attenzione); Relating: mantenere vive le relazioni con gli altri; Exercising: impegnarsi costantemente in questo compito; Awareness: essere sempre consapevoli di quel che si fa; Trying out: non stancarsi di provare strade nuove; Direction: non perdere di vista i propri obiettivi positivi; Resilience: sviluppare resilienza, elasticità, capacità di adattamento; Emotions: saper gestire le proprie emozioni; Acceptance: capacità di accettarsi per quello che si è; Meaning: trovare sempre un senso alla vita che stiamo facendo.

La felicità e il lavoro

In una recente intervista, Sir Seldon ha ammesso che è sbagliato dare più importanza al lavoro rispetto alla famiglia e agli amici, ai rapporti che contano davvero nella vita. È la trappola nella quale cadono molte persone di successo che vengono sradicate da queste relazioni cosi importanti.

Certo è possibile gestire il potere e mantenersi equilibrati come, per esempio, ha fatto Angela Merkel nel suo lungo mandato, ma non è facile. Se lavoriamo troppo la nostra salute mentale ne soffrirà. Per questo motivo, è importante che i leader parlino di più di qualità della vita e che facciano il possibile per promuoverla.

Eudaimonia ed euphrosyne

Nel mondo greco esiste una netta separazione etimologica tra felicità (eudaimonia) e gioia (euphrosyne). La felicità si associa al potere, mentre la gioia alla saggezza, come a dire che la felicità è legata a un vantaggio, a un successo personale e si concentra dunque sull’Io, mentre la gioia è propria del saggio che non guarda a se stesso ma all’insieme di cui è parte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...