I giovani e le fake news

Quando finiamo di credere a Babbo Natale (una delle bufale “buone” più condivise al mondo, sotto varie forme), cominciamo a credere alle fake news. I ragazzi, infatti, secondo un recente studio apparso sul British Journal of Developmental Psychology, attorno ai 14 anni cominciano a credere alle teorie complottiste e a cedere alla disinformazione. Per loro diventa difficile valutare la credibilità delle informazioni online.

Si dice che i giovani dovrebbero essere educati in questo senso: dal 2009 l’Unione Europea chiede una maggiore alfabetizzazione mediatica e molti sono stati i progetti messi in atto, indirizzati soprattutto agli studenti.

Ma i giovani in genere sono pigri. Le fake news sono costruite con un mix di sensazionalismo, trasgressione, sorpresa e spiazzamento che le rende interessanti per i più giovani e possono essere gestite senza troppa fatica. Non richiedono ragionamenti complicati, sono immediate, e la faciloneria, la sciatteria e il pressapochismo con cui si maneggiano servono a renderle ancor più “credibili”. E, contrariamente a quello che sostiene Sacha Altay (vedi precedente nostro articolo), senza che da parte dei giovani vi sia una reputazione da difendere. Anzi, più la “sparata” è grossa, meglio è.

D’altra parte, anche cercare di dare indicazioni ai giovani in modo serio e corretto non è facile. A quali fonti dobbiamo dir loro di credere? A quello che riportano i giornali? Come se le notizie che vi si pubblicano fossero tutte attendibili (sappiamo bene che non è vero perché anche in questi ambiti esiste la disinformazione e la manipolazione).

Dobbiamo allora convincerli ad essere sempre più scettici? Anche questo non è un atteggiamento che alla lunga funziona perché porta a credere che tutto sia potenzialmente falso e manipolato.

Si discute molto su quali siano i metodi più corretti per alfabetizzare digitalmente i ragazzi (e gli insegnanti e i genitori). Howard Schneider, direttore del Center for News Literacy, ha tenuto uno dei primi corsi che insegnano agli studenti a discernere la qualità delle informazioni, orientato soprattutto sull’analisi delle notizie giornalistiche.

Il corso affronta questi argomenti:

  1. il potere dell’informazione nelle mani dei consumatori
  2. cosa rende il giornalismo diverso da altri tipi di informazione?
  3. dove possiamo trovare informazioni affidabili?
  4. come dire cosa è giusto e cosa è di parte
  5. come applicare i concetti di alfabetizzazione giornalistica nella vita reale
  6. affrontare le sfide della cittadinanza digitale

Onestamente, non siamo in grado di dire quale sia il grado di efficacia di questo corso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...