Scienze: il dilemma di Collingridge

Il dilemma Collingridge propone che ci siano due percorsi verso l’innovazione. Uno di questi è analizzare ogni innovazione, cercando di anticiparne le possibili conseguenze negative. In questo modo si possono evitare grandi mali.

L’altra alternativa è lasciare che l’invenzione faccia il suo corso e poi aggirare, rimediare alle sue conseguenze negative man mano che si presentano.

Di fronte a questo dilemma, la maggior parte degli scienziati si è espressa ricorrendo al cosiddetto “principio di precauzione“.

Il Principio di Precauzione

Ciò indica che se le potenziali conseguenze di un’invenzione potrebbero essere catastrofiche, il suo avanzamento deve essere limitato o addirittura interrotto fino a quando le prove scientifiche non confermeranno che non esiste alcun pericolo.

Tuttavia, la grande domanda è se tutti gli scienziati aderiranno a questo principio. È impossibile conoscere la risposta a questo quesito.

In effetti, attualmente esiste la possibilità che gli scienziati sviluppino presto la tecnologia, ad esempio, per controllare le menti delle persone a distanza o per costruire una razza superiore in un laboratorio. I responsabili di queste invenzioni si fermeranno?

Vi sono molti dubbi che lo facciano , perché , come sostiene Umberto Galimberti, “se la tecnica è la condizione universale per realizzare qualsiasi scopo, essa diventa il primo scopo, che subordina a sé tutti gli altri”. E ancora. “L’uomo è ben lungi dall’aver compreso la velocità dello sviluppo tecnologico e la pervasività del dominio della tecnica”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...