Cambiare la scuola per preparare meglio al lavoro

Ci fa piacere segnalare un libro, uscito recentemente (9 aprile scorso, 464 pag., 27 euro) che si intitola “In Search of Deeper Learning” di Jal Mehta e Sarah Fine, cioè “Alla ricerca di un insegnamento più profondo”. Il libro si riferisce naturalmente alle esperienze di insegnamento negli Stati Uniti ma crediamo che si adatti molto bene anche al nostro sistema scolastico.

Continua a leggere

Annunci

Il nuovo mindset aziendale viene dal Sessantotto?

Sono sempre più numerose le aziende che cominciano a mettere in discussione la loro struttura gerarchica interna. E, allo stesso tempo, aumenta l’attenzione verso la necessità di intervenire per ridurre al minimo i meccanismi burocratici che condizionano le organizzazioni stesse.

Continua a leggere

La leadership in Svezia ha successo perché è “lagom”

In Svezia abitano poco più di 10 milioni di persone, eppure è un Paese che vanta un grande numero di aziende di successo come Volvo, Scania ed Electrolux, e giganti del retail come Ikea e H & M, per non parlare di imprese tecnologiche innovative come Skype, Spotify e King.

Continua a leggere

Se la leadership diventa “improvvisativa”

Fred Cook

Per capire quanto sia importante affrontare i rischi con consapevolezza e intelligenza e insegnare ai giovani questo atteggiamento, segnaliamo che presso l’USC Annenberg da qualche tempo si svolge un corso di “Improvisational Leadership” che ha lo scopo di incoraggiare gli studenti a uscire dalle loro zone di confort, esplorare nuovi ambiti e avere esperienze diverse. Anche perché diventare più coraggiosi significa anche diventare più creativi e la creatività si impara facendo.

Continua a leggere

La creatività nasce da un team che sa stare al “gioco”

In azienda, si parla sempre più spesso di creatività e di creativi. Mai come in questi tempi sembra indispensabile poter fare affidamento su collaboratori che portino in azienda idee nuove, che sappiano proporre soluzioni anche fuori dagli schemi. E questo succede quasi in ogni settore delle attività umane anche in quelle per così dire più conservatrici, ad esempio la politica.

Continua a leggere

II: Intuitive Intelligence. Perché è importante e perché va usata con cautela.

Da un po’ di tempo, complice anche la rapidissima trasformazione digitale e l’implementazione dell’euristica, si fa sempre più forte la tendenza a considerare l’intuizione come la chiave di volta per favorire un processo decisionale rapido, efficace e di successo.

Continua a leggere