2021: Per cominciare bene, usiamo le parole giuste. Qualcosa da non dire più e qualcosa da dire più spesso

Chi è Karen Mangia? Una donna dinamica, brillante e ottimista. E’ vice presidente del settore Customer and Market Insight presso Salesforce e autrice di un recente libro che si intitola “Working from home” (Lavorare da casa), quanto mai attuale in questo periodo.

Continua a leggere

Coronavirus: homo homini virus

vista-posteriore-della-donna-triste-accanto-alla-finestra_1205-296

La responsabilità in questi momenti in cui l’epidemia da Coronavirus sembra non arrestarsi significa comprendere che anche ogni nostro minimo gesto (lavarsi le mani ma anche restare in casa ed evitare i contatti con gli altri) è importante non solo per il benessere nostro ma di tutti coloro che ci sono vicini.

Queste disposizioni però ci pongono di fronte a un paradosso.

Continua a leggere

Troppa autocritica fa male e non fa sviluppare i talenti latenti

Carl Rogers, citato in un nostro precedente articolo, aveva già rilevato nei suoi studi che una eccessiva autocritica svolta su sé stessi – indotta spesso da un certo tipo di educazione – limita le capacità dei bambini e si traduce nell’età adulta in una eccessiva ricerca di approvazione.

Continua a leggere

I Millennial: “gatte da pelare” per i responsabili delle risorse umane?

I Millennial, cioè i giovani nati tra gli anni Ottanta e il Duemila, sono collaboratori difficili da gestire e creano problemi alle aziende che li hanno assunti? Non pochi manager e responsabili delle HR la pensano così. Vediamo quali sono le principali caratteristiche della generazione che si è affacciata al mondo del lavoro da non molti anni, e perché certi loro atteggiamenti possono risultare incompatibili, con una corretta governance dell’impresa.

Continua a leggere

Titanic: le subdole strategie per eludere la realtà. Negazione, cinismo, depressione.

Titanic“Libertà è partecipazione”: ricordiamo tutti la canzone di Giorgio Gaber nella quale si definiva la libertà non tanto come possibilità di fare tutto quello che ci passa per la mente, quanto come impegno comune, diretto e responsabile per cambiare le cose, possibilmente migliorandole. Eppure esistono in tutti noi delle reazioni che ci impediscono di prendere atto di quello che stiamo facendo e delle sue conseguenze a livello collettivo. Sono atteggiamenti che nascondono strategie per eludere la realtà, che vale la pena analizzare, seppure a grandi linee.

Continua a leggere