CapoVerso: essere leader senza restare succubi del potere

E’ possibile essere leader senza cadere nell’autoreferenzialità, assumendosi la responsabilità del ruolo, con serietà, onestà, correttezza, spirito di servizio e l’obiettivo di cambiare le aziende per le quali lavoriamo e la società in cui viviamo, rendendole più libere e democratiche?

Continua a leggere

Il potere e la sua anticamera. La “cerchia brumosa” della burocrazia

Carl Schmitt, giurista e filosofo, si intendeva di distorsioni del potere. Non per nulla era stato vicino a Hitler, almeno nel periodo che va dal 1933 al 1936, mantenendo una posizione ambigua, o per lo meno contraddittoria, sulla quale qui non merita soffermarci.

Continua a leggere

Comunicazione: attenti all’implicatura!

Chi vuole raggiungere un potere assoluto dovrà fare uso non della violenza, bensí della libertà dell’Altro”. Questo sostiene Byung-Chul Han, nel suo recente saggio, intitolato “Che cos’è il potere?”.

Continua a leggere

Il potere autentico non fa uso della violenza ma della libertà

Byung-Chul Han

Ricordate l’aforisma attribuito a Giulio Andreotti: “Il potere logora chi non ce l’ha”? Questa considerazione parte da un’idea sbagliata di potere. Secondo Byung-Chul Han, che ha scritto il bel libro “Che cos’è il potere”, bisogna ripensare al potere, capovolgendone il senso.

Continua a leggere

Possibile che il fascino del potere attiri solo persone “pericolose”?

Edoardo Bennato

In una canzone di Edoardo BennatoGiro, Girotondo”, si dice, tra l’altro, “Tutti sulla stessa barca, tutti della stessa razza ma i cattivi sfortunatamente sempre ai posti di comando”. Saranno solo “canzonette” ma in queste parole c’è una grande verità.

Continua a leggere