E’ necessario cambiare gli archetipi: da quello maschile a quello femminile

Salim Ismail

Fondamentalmente, la nostra civiltà sta collassando“, secondo Salim Ismail. Detta così non è una bella notizia. Ma crediamo valga la pena approfondire le idee di questo studioso, fondatore della Singularity University, imprenditore di diverse aziende, tra le quali Exo Works, e autore del libro “Exponential Organizations”, anche perché alla fine lui dice di essere ottimista.

Cerchiamo di capire. Sintetizzando il pensiero di Ismail, possiamo dire che il mondo sta attraversando cambiamenti radicali come risultato di innovazioni tecnologiche mai viste prima che hanno favorito grandi trasformazioni nella nostre società in tempi rapidissimi.

Elenchiamo velocemente i più importanti: Internet, con la possibilità di accesso a comunicazioni e informazioni; i computer con Intelligenza Artificiale che possono sostituirsi al lavoro dell’uomo; l’energia solare che può rendere disponibile l’energia anche nei paesi più poveri; l’ingegneria genetica con la possibilità di modificare il DNA e curare malattie; la tecnologia blockchain per transazioni sicure e senza intermediari.

Tralasciamo altre componenti importanti che stanno cambiando lo scenario generale come la demonetarizzazione, l’avvento delle criptovalute, la crisi degli stati “nazionali”, ecc.

Arriviamo alla conclusione di Ismail. In un mondo in cui prodotti e servizi diventano sempre meno costosi, la crescita economica basata sulla circolazione del denaro richiede un massiccio aumento dei consumi con conseguenze negative per l’ambiente, il clima e l’uguaglianza economica.

Se i cittadini, d’altra parte, si ritirano dalla corsa alla crescita e si affidano maggiormente all’economia peer-to-peer, all’open source, alla produzione domestica a basso costo di energia e prodotti fisici ecc., il sistema economico collasserà e con esso le istituzioni – pubbliche e private – che da esso dipendono.

Che fare allora?

Salim Ismail ha una ricetta per gestire questi problemi e prevenire il collasso della nostra civiltà e delle sue istituzioni che si sono sviluppate attraverso i secoli ma non sono più adatte a risolvere le sfide che ci attendono.

Crede che dobbiamo sostituire le istituzioni che si reggono su archetipi “maschili”, cioè competizione, assunzione di rischi, potere, controllo e gerarchie, con istituzioni che si basano su archetipi “femminili”, cioè partecipazione, cura, cooperazione e reti.

Qualche esempio: le istituzioni maschili includono stati nazionali, grandi corporazioni, partiti politici e religioni patriarcali, mentre quelle femminili comprendono l’open source, la cultura maker (se volete saperne di più su questo tema, leggete un articolo apparso sul “Corriere della Sera”), la coscienza globale e un’autentica economia di condivisione: tutti questi aspetti stanno guadagnando sempre più terreno.

Seguite il prossimo articolo, tra due giorni, che affronterà nel vivo il problema.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...