Il sogno (o l’incubo) di Turing. Le macchine ci parlano, ci insegnano, ci fanno compagnia

Nel bel libro di Francesco Varanini, “Le Cinque Leggi bronzee dell’era digitale. E perché conviene trasgredirle”, Guerini e Associati, 2020, il filosofo cita alcune affermazioni di Alan Turing, il famoso matematico – uno dei padri dell’informatica, e uno dei primi scienziati a interessarsi di Intelligenza Artificiale – morto suicida nel 1954, con una personalità complessa, anche a causa di problemi famigliari e personali.

Continua a leggere

Il computer ne sa già più di noi sulle emozioni dell’uomo

Dobbiamo prendere atto, non senza qualche preoccupazione, che sistemi e dispositivi di Intelligenza Artificiale sono ormai in grado di interpretare, elaborare e simulare emozioni umane. Già oggi, infatti, sono stati realizzati algoritmi che riescono meglio delle persone a rilevare emozioni e stati d’animo diversi con una attendibilità davvero elevata.

Continua a leggere

Questo articolo l’ho scritto io, ma potrebbe farlo (meglio) GPT-3

Se avessi accesso al programma GPT-3, realizzato lo scorso mese di maggio da OpenAI, sarei in grado di far scrivere questo articolo direttamente dal programma, fornendo semplicemente alcune indicazioni di massima. Non è fantascienza. E’ quello che è successo per un articolo pubblicato recentemente (8 settembre) sul “Guardian”.

Continua a leggere

TEMPOR⚡ALE: Ce la faremo a restare liberi?

Elon Musk

Due notizie recenti devono farci riflettere. Una riguarda la possibilità di studiare più da vicino e in modo sempre più approfondito il cervello dell’uomo. L’altra, gli interventi che alcune aziende cominciano a mettere in atto per controllare i propri collaboratori con lo scopo principale di verificarne la salute ma anche di controllarne costantemente i movimenti.

Continua a leggere

L’Intelligenza Artificiale (AI) non deve far paura

Il pensiero di Nicola Morini-Bianzino, uno dei pionieri dell’AI, esperto di intelligenza artificiale, machine learning, innovazione e big data, oltre che Chief Technology Officer di EY Global Client, crediamo possa fornire elementi ottimistici riguardo al futuro delle imprese e del lavoro.

Continua a leggere

E’ necessario cambiare gli archetipi: da quello maschile a quello femminile

Salim Ismail

Fondamentalmente, la nostra civiltà sta collassando“, secondo Salim Ismail. Detta così non è una bella notizia. Ma crediamo valga la pena approfondire le idee di questo studioso, fondatore della Singularity University, imprenditore di diverse aziende, tra le quali Exo Works, e autore del libro “Exponential Organizations”, anche perché alla fine lui dice di essere ottimista.

Continua a leggere