Non frenare lo slancio! Nel lavoro, nella vita, ovunque, lo slancio è fondamentale: se lo perdi, sei perduto

Una scena da “L’attimo fuggente”

Cos’è lo slancio? Se diamo un’occhiata ai sinonimi di questo termine abbiamo subito le idee più chiare: ardore, calore, carica, entusiasmo, fervore, foga, passione, trasporto. In inglese, il termine è ancora più affascinante e preciso: momentum, che sta a significare la qualità che consente a un evento di svilupparsi e progredire dopo che è iniziato.

Abbiamo tutti in mente la frase della poesia di Robert Herrick, utilizzata nel famoso film di Peter WeirL’attimo fuggente” , quando il professore, un grande Robin Williams, invita i suoi allievi a “Cogliere l’attimo!”, espressione potente, piena di pathos, ma forse eccessivamente velleitaria, retorica.

Non facciamo confusione. Lo slancio non è un traguardo da raggiungere né, tantomeno, raggiunto, piuttosto lo si può definire come lo spirito che coinvolge chi affronta qualche nuovo progetto, qualche nuova idea e ci si butta a capofitto.

Jim Collins

In altri termini, si tratta di quella leggera, piacevole e breve scossa che pervade tutto l’animo e crea una emozione particolare, che stimola la voglia di fare, di agire, di lanciarsi. Una improvvisa boccata di sano ottimismo che infonde coraggio e fa vedere rosa il nostro futuro. Quanto ne abbiamo bisogno in questi momenti!

Non è detto che questo slancio porti automaticamente al successo, ma se lo si trascura e se non gli si dà il giusto peso, il rischio è quello di sprecare una grande occasione. Anche perché slanci di questo tipo non arrivano tutti i giorni!

Teniamo conto poi che uno slancio non deve per forza riguardare cose importanti, trasformazioni epocali, all’inizio può essere anche piccolo, circoscritto ma il bello è che in genere non viene mai solo e se lo si coglie nel modo giusto ci infonde speranza e fiducia e porta dietro di sé altri slanci.

Jim Collins, nel suo libro “Good to Great”, lo chiama “effetto volano” e sostiene che i cambiamenti importanti non avvengono mai di colpo, non ci si deve aspettare un miracolo improvviso, ma piuttosto un processo lento e continuo, simile al movimento di un pesante “volano”, fatto di piccoli, anche impercettibili, persino faticosi, movimenti che però messi insieme, uno dietro l’altro, sviluppati e mai trascurati possono produrre la svolta sperata. E quando il volano gira, tutto gira meglio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...