Un buon leader è umile

Chi vuole dimostrare come l’arroganza e la presunzione possono portare al fallimento cita il caso di un imprenditore americano, Ty Warner, conosciuto anche nel nostro Paese per i prodotti che realizzò negli anni Novanta e che ebbero un successo incredibile, creando delle vere e proprie paranoie e ossessioni tra i collezionisti.

Sono i peluche della serie Beanies Babies, quelli che sono stati ribattezzati anche “occhioni”, appunto per quei loro occhi enormi e sporgenti. Il successo fu incredibile e l’imprenditore pare abbia detto a un suo collaboratore che lo criticava per certe scelte imprenditoriali azzardate che avrebbero potuto mettere in crisi l’azienda: “Potrei mettere il cuore di Ty (ndr. Il cuore è il simbolo di questi prodotti) sulla merda e la gente continuerebbe a comprarla”. Purtroppo, non fu così e il fallimento ci fu davvero.

5. Un leader è umile

Un leader che ritiene di possedere il tocco di Mida prima o poi paga questa sua tracotanza.

Warner è un personaggio estremamente egocentrico. Dai pupazzi pelosi è passato all’acquisto di grandi alberghi, ma la sua parabola è in vertiginoso calo, anche se un personaggio del genere alla fine cade sempre in piedi. In questo caso, comunque, il suo egoismo ha avuto la meglio sul suo comportamento di leader con effetti devastanti.

Accusato di evasione fiscale (avrebbe portato molti capitali in Svizzera su conti segreti), resta famoso per la sua mania di rimanere giovane. Si è sottoposto a numerosi interventi di chirurgia plastica, ricorrendo anche a iniezioni di un embrione ricavato da un particolare tipo di… pecora nera. Il resto è cronaca…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...