Non sei ricco? E’ colpa tua, sei troppo pigro!

Segnaliamo con piacere un bell’articolo di Jessica Wildfire su “Medium Daily Digest” dal titolo “You’re lazy, that’s what’s the matter” (Sei pigro, questo è il problema), che con ironia e sarcasmo analizza un atteggiamento, che si sta diffondendo anche nel nostro Paese, di colpevolizzazione nei confronti di coloro (la maggioranza) che non riescono ad avere successo o a fare soldi.

Ne abbiamo già parlato anche noi in un precedente articolo “La ricchezza è una benedizione divina?”, ma vale la pena ritornarci sopra, riportando le conclusioni alle quali arriva Jessica Wildfire.

Quando tutti iniziano a pensare come pensano i milionari, abbiamo un problema serio. È il segno di una cultura che non è più in grado di valorizzare il servizio pubblico o il bene superiore. Non è un caso che i leader politici e gli industriali dell’età dell’oro abbiano promosso il darwinismo sociale – una grossolana appropriazione della teoria evolutiva che ha giustificato il loro posto ai vertici della società.

(…) La ricerca della ricchezza è diventata un imperativo morale per la maggior parte delle persone. Deridere i poveri si è trasformato in una forma di intrattenimento.

Gli imprenditori si sentono autorizzati a trarre vantaggio dalla classe lavoratrice. E ci riescono in due modi: spillando loro i soldi, vendendo nella maggior parte dei casi oggetti inutili, e poi giudicandoli stupidi perché li hanno acquistati. E se qualcuno si lamenta, basta fargli presente che se è povero la colpa è solo sua, perché è pigro…”.

Una risposta a "Non sei ricco? E’ colpa tua, sei troppo pigro!"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...